Begonia elatior; una fioritura esplosiva!

begonia-elatiorAl genere Begonia, che fa parte della famiglia delle Begoniaceae, si riconducono centinaia di specie, provenienti da regioni climatiche diverse (tropicali o temperate calde). Molte provengono dal Brasile. Se alle specie che troviamo in natura, aggiungiamo gli ibridi creati dall’uomo, si arriva a contare circa un migliaio di appartenenti al genere Begonia, che vengono apprezzate per le differenze di fogliame, fioritura e dimensioni. Basti pensare che mentre le varietà più piccole raggiungono massimo i 10 cm di altezza, quelle giganti arrivano anche a 3 m! La maggior parte delle begonie sono piante perenni, suddivise in tre grandi gruppi; le tuberose, le rizomatose e quelle a radici fascicolate.Oggi parleremo della tuberosa Begonia elatior, molto apprezzata per la sua facilità di coltivazione, anche in vaso.

POSIZIONE ED ESPOSIZIONE

Come tutte le begonie tuberose, necessita di molta luce per vegetare e fiorire abbondantemente. Questo non vuol dire che la Begonia elatior, ami i cocenti raggi solari di mezzogiorno! L’ideale è la luce del mattino o del pomeriggio, quindi la mezzombra. In alternativa, potete  ripararle utilizzando piante più grandi. Essendo originarie di areee calde o comunque temperate, le Begoniae elatior, come la maggior parte dellle Begoniae non tollerano temperature inferiori ai 5° C. Di conseguenza sono adatte ai climi miti.

TERRENO

Se avete intenzione di coltivare la vostra Begonia in vaso, và benissimo il terriccio universale, purchè sia ben drenato. Le Begonie tuberose temono infatti i ristagni idrici, da cui, la raccomandazione di non esagerare con l’irrigazione; accertatevi che il terreno sia quasi asciutto, prima di bagnarle ulteriormente. Quando si pone una Begonia elatior in piena terra, dovrete usare terreno ricco e umido, ammendato con il compost.

FIORITURA

Prolungata, da maggio a settembre, anche se in annate calde può fiorire anche a novembre inoltrato.

CONCIMAZIONE

Per quanto riguarda la concimazione, utilizzate concime liquido per fiori, una volta a settimana, da quando la pianta inizia a fiorire (maggio-giugno) fino alla fine della fioritura

CONSIGLI PER LA CONSERVAZIONE IN INVERNO

I tuberi di Begonia elatior, si acquistano nei Garden Center, a partire da febbraio-marzo. Interrateli in vasi da 10 cm, avendo cura che la sommità del tubero sia quasi affiorata. Il vaso và posto al caldo e, come già accennato, annaffiato quel tanto per mantenere il terriccio umido. Il rinvaso và fatto quando le radici iniziano a uscire dai fori di drenaggio del vaso. Con l’arrivo dei primi caldi, potrete porre i tuberi all’aperto e iniziare a godere della splendida fioritura della Begonia elatior ! A fine estate, col calare della fioritura e i primi fenomeni di ingiallimento delle foglie, si diminuisce la somministrazione d’acqua. Dopo qualche settimana, inizierà ad appassire la porzione aerea della pianta. E’ arrivato il momento di scalzare i tuberi! Puliteli e cospargeteli con un prodotto anticrittogamico; è più che sufficiente una spolverata di zolfo. A questo punto, disponeteli dentro una scatola riempita con sabbia, torba  o sfagno. Dovrete avere cura di porre i tuberi di Begonia elatior a qualche centimetro di distanza tra di loro. Inoltre la scatola và posizionata in un luiogo fresco e asciutto, per sfavorire ulteriormente l’attacco di funghi. E’ evidente che lo scopo di tale operazione è salvare i vostri esemplari dalle gelate.  In inverno controllate, di tanto in tanto, i tuberi, eliminandone gli esemplari marci o comunque mollicci.

facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedin