Magnolia Stellata, una battaglia tra botanici per una pianta in estinzione.

I germogli delle nostre Magnolia stellata, grigi e pelosi, stanno per aprirsi.

Ho trovato la mia piccola pianta in una sezione “in sconto” del mio vivaio di fiducia, dal look estremamente malconcio e ferito. Non potevo lasciarla lì. Ci è voluto un po ‘per recuperarla dal suo calvario, ma sono lieto di dire che adesso sembra essere in grande salute. Per la maggior parte dell’anno si è vestita di un insignificante fogliame verde brillante, ma solo ora, prima che il fogliame abbia fatto la sua comparsa, la sua bellezza sta per mostrarsi al mondo. Non ho potuto fare a meno di questa pianta; è l’ideale per un piccolo giardino delle dimensioni ridotte come il mio. E ‘stato un acquisto d’impulso di cui non mi sono mai pentito.

M. stellata è stata scoperta la prima volta dal botanico Carl Peter Thunberg (che ha dato il nome a molte specie che di secondo nome fanno “thunbergii”) che la chiamò Magnolia tomentosa. Avrebbe dovuto mantenere il suo nome originale, ma le è stato dato in seguito il nome Buergeria stellata da Siebold e Zuccarini nel 1846 più di 80 anni dopo. Alla fine il botanico Carl Johann Maximowicz la mise di nuovo nel genere Magnolia nel 1872. E ‘stato introdotta per la coltivazione dal Giappone nel 1877 da Charles Marie. Siccome il nome commerciale ‘stellata’ era divenuto popolare dopo la sua introduzione a orticoltura, ed a causa delle regole di denominazione delle piante, il nome tomentosa è stato finalmente abbandonato per sempre.

Il Dr Benjamin Blackburn ha deciso, tuttavia, che la M. stellata non era significativamente abbastanza diversa dal suo parente stretto magnolia Kobushi (Magnolia Kobus) e ha cercato di rinominarla come una varietà di questa pianta: Magnolia Kobus var. Stellata. C’è voluto fino al 1998 per risolvere una volta per tutte la questione, quando David Hunt ha pubblicato la sua monografia di “magnolie e i loro alleati”. Infine Magnolia stellata è stato ufficialmente accettato come il nome della pianta. Be ‘quasi …

La magnolia stellata, infatti, si credeva solo provenisse dalle montagne a nord-est di Nagoya in Giappone, ma una pianta molto simile ad essa – quasi indistinguibile di fatto – è stata trovata anche in Cina. Si credeva che queste piante fossero state naturalizzate da piante coltivate, ma c’era qualcosa che non andava. I botanici hanno combattuto una strenua battaglia cercando di decidere se fossero della stessa specie, e ci sono voluti la ricerca genetica e decenni di studi per capire se questo piccolo gruppo di circa 200 piante in realtà era diversa. Si è scoperto che era la simile Magnolia sinostellata (stellata dalla Cina), e pace fu fatta.

Mentre tutte queste dispute botaniche stavano accadendo, e la loro fama come piante da giardino stava crescendo, M. stellata e le popolazioni selvatiche della sua parente stretta M. di sinostellata sono diminuite drasticamente. Queste due popolari piante da giardino sono infatti specie a rischio in natura. M. stellata è diminuita a causa del rapido sviluppo urbano e M. sinostellata attraverso la deforestazione e la sovra-raccolta come pianta da giardino. Ad oggi, è difficilissimo trovarle in natura…ahimè.

 

facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedin