Forsythia x intermedia

forsiziaLa Forsythia x intermedia, volgarmente chiamata Forsizia, è il più classico degli arbusti.  Con la sua splendida fioritura giallo-oro preannuncia la primavera. Prende il nome da uno dei più grandi giardinieri che la storia conosca. Stiamo parlando di William Forsyth (1737-1804), capogiardiniere di Re Giorgio II e fondatore della prestigiosa Royal Horticultural Society. La Forsythia x intermedia nasce da un incrocio tra la F. suspensa e la F. viridissima, arbusti originari della Cina. E’ una pianta assolutamente rustica, che non teme nè gli inverni freddi, nè le estati calde. Tuttavia, come vedremo più in dettaglio dopo, soffre le estati bollenti e aride. Inoltre è uno degli arbusti da fiore adatti alla città, dato che resiste all’inquinamento atmosferico.

FOGLIE e RAMI

Le foglie ( e di conseguenza le gemme) sono opposte, dentate, lanceolate e hanno un colore verde vivo. I giovani rami di 1 anno sono giallo-verdi. Inizialmente hanno un portamento eretto e tendeno a flettersi con il peso della vegetazione. I rami  della Forsizia x intermedia sono, inoltre, provvisti di vistose lenticelle,  molto utili per il riconoscimento dell’arbusto durante la fase di dormienza vegetativa.

FIORITURA

Come accenavamo prima, l’arbusto ha  fiori giallo-oro a corolla brevemente tubolosa,  simile a una campanella con 4 petali saldati alla base, tanto che gli inglesi chiamano la Forsizia con il nomignolo “golden bell” (campana d’oro). I fiori si sviluppano in gruppi di 2-3 nei rami di 1 anno. Nelle regioni a clima mite, la fioritura comincia a fine gennaio e si conclude nei primi di aprile. Invece, nel Nord Italia dove l’inverno è più rigido, la Forsizia comincia a fiorire tra fine  febbraio e marzo.

POSIZIONE ed ESPOSIZIONE

E’ un arbusto da pieno sole; in condizione diverse è probabile che non fiorisca.

ESIGENZE IDRICHE

I giovani esemplari necessitano innaffiature abbondanti e regolari. Le forsizie adulte possono soppravvivere anche a periodi di siccità. Tuttavia, per ottenere piante più vigorose, è bene affidarsi a irrigazioni regolari.

TERRENO e PIANTUMAZIONE

Si adatta facilmente a diversi tipi di terreno, persino a quelli argillosi pesanti. Tuttavia, è fondamentale che siano piantumati in un terreno profondo, in modo che le radici possano trovare riparo durante i periodi di siccità estiva. Per questo motivo, per la coltivazione in vaso, è necessario utilizzare contenitori profondi. Se non seguirete questa indicazioni, avrete esemplari di Forsizia deboli e poveri di fiori.

CONCIMAZIONE

Sono piante che non hanno richieste particolari di nutrimento, adattandosi perfettamente anche ai terreni magri.  In ogni caso, per essere  sicuri di godere di una fioritura appariscente, somministrate del concime organico a fine inverno e una concimazione a pronto effetto dopo la potatura primaverile.

POTATURA

Quante volte ci è capitato di constatare, con amarezza, che alcune piante sono state potate nel periodo sbagliato.. Cosa capita in questi casi? Nel migliore dei casi, la pianta fiorirà poco e male.  In realtà, molto dipende da quali e quanti rami sono stati asportati. Nel caso della nostra Forsythia x intermedia, bisogna aspettare che i rami di 1 anno vadano in fiore e , subito dopo, potare. Vale la solita regola; se tagliate tanto il ramo, alla stagione successiva, crescerà molto e porterà pochi e grossi fiori. Al contrario tagliando poco, il ramo si svilupperà poco e i fiori saranno tanti e piccoli. A voi la scelta..

AGENTI PATOGENI (malattie)

La Forsizia x intermedia è molto resistente anche alle malattie. Esemplari già debilitati per altri motivi (potature indiscriminate, caldo eccessivo, esposizione in piena ombra, terreni poco profondi, etc.) possono essere attaccati da afidi e cocciniglie. Come sempre, il nostro consiglio è cercare di risolvere il problema che ha causato la sofferenza della pianta. Se persistono tali condizioni sfavorevoli, è altamente probabile che l’esemplare colpito dai parassiti si riammali, anche dopo aver trattato con insetticidi specifici.

VARIETA’

“Lynwood”: ha fiori grandi diffusi lungo tutta la lunghezza dei rami. Si presta particolarmente alla potatura ad alberello.

“Spectabilis”: ha un portamento molto compatto, che la rende adatta a formare fitte siepi. Si può utilizzare tranquillamente in ambito urbano, dato che la Forsizia non teme l’inquinamento atmosferico.

“Marèe d’Or”, “Boucle d’Or”, “Show Off” ( o “Mindor”): sono Forsizie nane che non superano il metro d’altezza. Le loro fioriture sono abbondanti e precoci rispetto alla Forsizia “normale”. Queste due caratteristiche le rendono adatte a formare bordure. In particolare, la varietà “Show off” fiorisce abbondantemente lungo tutti i rami (ovviamente di 1 anno)

ASSOCIAZIONI CONSIGLIATE

Diverse specie si sposano felicemente con la Forsythia x intermedia. Ad esempio, i prunus e i peschi da fiore, con i loro fiori rosa o bianco-rosa. Oppure le magnolie da fiore; Magnolia stellata e Magnolia “Leonard Messel”. Un altro abbinamento felice è forsizia e Camelia japonica, che risulta vincente soprattutto nelle zone a clima mite, dove le camelie fioriscono tra febbraio e marzo, quando le Forsizie sono già in fiore. Anche il Chaenomeles japonica (cotogno da fiore), con i suoi fiori rosa-rosso si accosta molto bene con il giallo-oro dei petali di Forsizia. Infine è possibile mettere a dimora alla base dei nostri esemplari di Forsythia x intermedia, alcuni bulbi precoci, come i bucaneve, crochi e anemoni, che vanno in fiore in tardo inverno, poco prima della Forsizia.

facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedin