Guida all’acquisto di una motosega con tutto quello che c’è da sapere

Dal taglio dei cespugli fino ad arrivare all’abbattimento di alberi anche di grandi dimensioni, la motosega è indispensabile, così come è altrettanto importante scegliere il modello giusto in base ai lavori che si devono svolgere. Ed allora, nell’ambito della scelta di una motosega elettrica a batteria stihl, è fondamentale andare a capire quale debba essere il peso massimo di una nuova motosega da acquistare ed anche quale potenza debba avere pure quando si devono svolgere i lavori più pesanti.

Qual è la motosega ideale dal professionista all’hobbista del giardinaggio

Nel dettaglio, dal professionista all’hobbista del giardinaggio, la motosega ideale è quella che riesce a coniugare alla potenza la maneggevolezza. E quindi si apprezza sempre l’uso di una motosega leggera ed anche dotata di tutta l’attrezzatura da taglio che serve. Pur tuttavia, può rendersi necessario anche l’acquisto di una motosega che da un lato risulta essere un po’ meno maneggevole, ma che dall’altro ha una potenza superiore. E questo specie quando l’uso non è finalizzato solo a tagliare i cespugli ed i rami d’albero, ma anche a tagliare spesso i tronchi. La scelta d’acquisto per la motosega, quindi, deve essere fatta sempre e solo quando sarà chiaro come e per cosa sarà utilizzata.

Quali sono gli aspetti da valutare per l’acquisto di una motosega

La potenza ed il peso, per l’acquisto di una motosega, sono solo due degli aspetti da andare a valutare prima di fare una scelta definitiva. Le motoseghe in commercio infatti, presentano delle caratteristiche differenti che spaziano dal tipo di motore al bilanciamento, e passando per la sicurezza, per la manutenzione, per le emissioni e per i livelli delle vibrazioni. Ed il tutto fermo restando che, per chi non ha mai utilizzato una motosega, è sempre preferibile iniziare acquistandone una che è molto facile da maneggiare.

Scelta migliore motosega con il motore a scoppio oppure alimentata a batteria?

Nel dettaglio, in commercio ci sono le classiche motoseghe che sono alimentate a benzina in quanto sono dotate di motore a scoppio, ma ci sono pure quelle che, invece, sono alimentate a batteria. E allora, quale scegliere? Al riguardo si può dire che la motosega che è alimentata a benzina è ideale quando i lavori da effettuare nei boschi sono prolungati, e quindi non si può correre il rischio di esaurire la batteria inclusa, eventualmente, pure quella di ricambio a disposizione.

Mentre una motosega che è alimentata a batteria è ottima per i lavori di giardinaggio fuori casa ed anche nelle aree verdi pubbliche senza doversi preoccupare, tra l’altro, dei fumi e delle emissioni. In termini di vibrazioni, inoltre, la motosega alimentata a batteria è sempre preferibile a quella alimentata a benzina. E questo perché quella a batteria è più silenziosa, produce meno vibrazioni e, quindi, riduce pure i rischi di danni alle mani specie quando l’uso della motosega è prolungato.

Come utilizzare una motosega in tutta sicurezza, dal bilanciamento all’abbigliamento

Per quel che riguarda invece il bilanciamento e la sicurezza, la motosega deve essere non solo maneggevole, ma anche tale che cambiando impugnatura non generi uno sbilanciamento. Così come una buona motosega deve avere tutti i dispositivi di sicurezza che sono finalizzati a ridurre il rischio di lesioni. Il tutto fermo restando che la motosega deve essere utilizzata sempre e solo dopo aver indossato un abbigliamento protettivo adeguato. E che in caso di dubbi i rivenditori autorizzati, online come nei negozi, sono sempre in grado di fornire tutte le delucidazioni del caso per scegliere il modello di motosega più adatto alle proprie esigenze.

facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedin