I macroelementi

Come vi abbiamo già accennato nel secondo numero di “Guide verdi”, nel terreno le piante trovano alcuni elementi fondamentali per la propria sopravvivenza. Tali elementi  costituiscono i tessuti della pianta e/o attivano i processi vitali (crescita, riproduzione, difesa, etc). L’energia che permette alla pianta di utilizzare/trasformare gli elementi assorbiti dal terreno è, invece, ricavata dal processo di fotosintesi clorofilliana. Ma quali sono gli elementi presenti nel terreno? Classicamente, si distinguono 2 grosse categorie; i macroelementi di cui le piante necessitano grandi quantità e i microelementi, che gli organismi vegetali assorbono in quantità minori.  Qualcuno tende a suddividere ulteriormente i macroelementi in “primari” (Azoto, Fosforo, Potassio) e “secondari” ( Calcio e Magnesio), questi ultimi presenti nei tessuti delle piante in quote leggermenti minori dei primi.   E’ molto importante controllare la disponibilità di macro e microelementi nel terreno. Infatti, da eventuali carenze/eccessi nutritive si può verificare l’indebolimento e il deperimento della pianta. E sappiamo già che un organismo debole,  si offre più facilmente agli attacchi dei diversi parassiti! Tuttavia, tenete conto che il riconoscimento delle carenze nutritive attraverso la lettura di alcuni segnali/sintomi che ci lancia la pianta è un esercizio affascinante quanto complesso, che richiede un minimo di esperienza!  L’acquisto di un libro corredato da belle foto è altamente consigliato.. Di seguito una presentazione dei macroelementi in cui vi spiegheremo quali sono i sintomi  principali derivanti da un loro eccesso o, viceversa, da una carenza.

MACROELEMENTI

1. Azoto (N): descrizione Carenza azoto: sintomi/patologie Eccesso azoto: sintomi/patologie
Compone aminoacidi, la clorofilla e molti fitormoni, determinando l’accrescimento della “parte aerea” (chioma) della pianta. L’azoto si genera attraverso l’attività batterica nei suoli caldi; a fine estate si trova nei terreni in quantità solitamente significative. Purtroppo i composti azotati sono estremamente solubili e spesso si dilavano a causa delle pioggie autunnali-invernali. E’ per cui probabile che il terreno sia povero di azoto ad inizio primavera. La pianta cresce poco Crescita sproporzionata chioma; l’apparato radicale non può garantire il nutrimento per un apparato aereo così esteso
Clorosi fogliare (foglie gialle/rosse) che si manifesta prima nelle foglie vecchie, poi in quelle giovani Eccessivo sviluppo vegetativo che penalizza la riproduzione (diminuzione fioritura)
Il ciclo vegetativo si accorcia Il periodo vegetativo viene prolungato; le piante diventano più sensibili alle gelate precoci
Maturazione frutti anticipata; i frutti cadono prima del tempo “Filatura” delle piante.


2. Potassio (K): descrizione Carenza potassio: sintomi/patologie Eccesso potassio: sintomi/patologie
E’ un attivatore di enzimi, interviene nella sintesi proteica, regola il processo di fotosintesi. Grazie al potassio, la pianta può controllare l’assorbimento dell’acqua. Inoltre, è responsabile delle dimensioni e della qualità di  fiori/frutti, influenzandone quindi il colore, sapore. La sua  carenza può essere imputata ad un eccesso di calcio o magnesio. E’ un elemento che può scarseggiare in terreni sabbiosi o comunque leggeri, a causa del dilavamento delle pioggie invernali. Al contrario, terreni pesanti (argillosi) solitamente non soffrono di tale carenza. Frutti/fiori piccoli e di scarsa qualità Assorbimento ostacolato di calcio e magnesio
Aree necrotiche sui margini/punte foglie
3. Fosforo (P): descrizione Carenza fosforo: sintomi/patologie Eccesso fosforo: sintomi/patologie
Svolge una funzione strutturale, energetica ed enzimatica. In particolare è responsabile della crescita dell’ apparato radicale della pianta Le piante e i semi si sviluppano poco L’apparato radicale ha uno sviluppo sproporzionato rispetto a quello vegetativo
Fusto esile, poco ramificato L’eccesso di fosforo può portare ad una carenza di zinco e rame
Colorazione fogliare intensa (bluastra/rossastra) che può diventare bruna


4. Calcio (Ca): descrizione Carenza calcio: sintomi/patologie Eccesso calcio: sintomi/patologie
Fa sì che la membrana delle cellule vegetali si conservi e che funzioni correttamente Minore crescita tessuti Carenza potassio, ammonio, magnesio
Clorosi a partire da foglie giovani/apici fogliari; le foglie si deformano e cadono anticipatamente
Terreno che si struttura con difficoltà


5. Magnesio (Mg): descrizione Carenza magnesio: sintomi/patologie Eccesso magnesio: sintomi/patologie
Insieme all’azoto e al ferro, è un costituente fondamentale della molecola di clorofilla. Inoltre è un attivatore enzimatico. La sua carenza può essere imputata ad un eccesso di potassio oppure di calcio (mai tutte e due insieme, dato che un eccesso di potassio porta ad una carenza di calcio!). Comparsa  di clorosi fogliare che tende  a manifestarsi in 2 modi; a macchie oppure a partire dallo spazio tra le nervature. Inoltre le foglie si ripiegano verso l’alto.Il risultato finale? Le foglie cadono anticipatamente e la pianta si indebolisce. Non si rivelano fenomeni significativi
6. Zolfo (S): descrizione Carenza zolfo: sintomi/patologie Eccesso zolfo: sintomi/patologie
E’un componente di amminoacidi e proteine. Concorre al sapore di molti frutti e ortaggi. Clorosi fogliare uniforme
Crescita stentata pianta
Carenza potassio
Carenza fosforo
facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedin