sabato, Aprile 20, 2024
HomeGeneraleCome riconoscere un buon prato sintetico e orientarsi nella scelta

Come riconoscere un buon prato sintetico e orientarsi nella scelta

Con il freddo alle porte sono in molti a voler cercare una soluzione per avere un giardino sempre in perfetto stato, verde e rigoglioso, anche con questo clima.

Ottenere un risultato di questo tipo ad oggi è sempre possibile, basta rivolgersi al mercato dell’erba sintetica.

Una soluzione semplice e alla portata di tutti, che può assicurare un risultato davvero strabiliante, soprattutto grazie ai nuovi prodotti disponibili in commercio, sempre più realistici e resistenti.

Se anche voi state appunto optando per questo prodotto, sicuramente vi sarete accorti dell’ampia scelta a disposizione che di primo getto potrebbe confondervi. Meglio quindi aver ben chiaro da subito tutto ciò che andrà valutato in fase decisionale, così da fare un acquisto oculato e che vi soddisferà nel tempo.

Solo così sarete sicuri di avere il prato sintetico migliore in grado di darvi un giardino da poter sfruttare negli anni e che vi assicurerà una manutenzione minima e costi di gestione irrisori, rispetto invece alla grande fatica che un vero spazio verde richiede.

Densità e resistenza, due caratteristiche fondamentali

Una delle caratteristiche più ricercate quando si cerca un buon prato sintetico, è sicuramente la sua resistenza nel tempo. A questo proposito, l’erba finta migliore di certo deve possedere una certa elasticità, che le consentirà il ritorno in posizione verticale dopo essere stata calpestata da una persona o da un altro oggetto.

Ciò ci permetterà di avere un giardino sempre perfetto, anche nel caso di continui calpestii, che si tratti di adulti, di bambini che utilizzano lo spazio per giocare, o anche di cani che amano correre.

Non solo, per un’estetica davvero realistica, la densità del filato sarà molto importante, meglio quindi scegliere solo prodotti caratterizzati da un’elevata copertura.

Le tonalità per un aspetto il più naturale possibile

Non c’è dubbio che il colore dell’erba sia una delle prime caratteristiche che può davvero conferire la giusta naturalezza al vostro spazio verde. Una tonalità il più naturale possibile e lucente darà quel tocco in più che vi serve.

Il manto in erbetta finta può presentare diverse colorazioni che vanno esaminate non solo in base alle proprie preferenze, ma anche alla posizione e alla luminosità del luogo.

In particolare, quando vi troverete a scegliere il prodotto più adatto alle vostre esigenze, ricordate che per un giardino poco esposto alla luce del sole per diverse ore una sfumatura di verde più chiara e vivace sarà perfetta, mentre una tonalità scura sarà da preferire per le aree verdi più esposte alla luce.

La morbidezza, un aspetto da non tralasciare

Eccoci arrivati a un altro fattore molto importante, ovvero la morbidezza al calpestio e al tatto. Nel primo caso, infatti, questa garantirà lunga vita al vostro giardino sintetico e una resa estetica sempre ottimale, riducendo così al minimo la manutenzione richiesta.

Per quanto riguarda la morbidezza al tatto, invece, questa caratteristica è una dei filati poco corposi che, se non accuratamente selezionati, con il tempo potrebbero appiattirsi senza un’adeguata e costante manutenzione.

Il prodotto da preferire sarebbe quindi qualcosa che possa assicurarvi il giusto equilibrio tra elasticità, corposità e i due tipi di morbidezza dei tappeti erba sintetica.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments