Orto biologico per principanti

Possedere un orto significa mangiare cibi naturali, genuini ed economici, subito disponibili a portata di mano. Una serie di vantaggi che oltre a cambiare il proprio stile di vita, aggiungono soddisfazione e benessere: si dice infatti che il lavoro manuale liberi le endorfine, i neurotrasmettitori del buonumore.
Ma per avere un orto perfetto è necessario innanzitutto scegliere il terreno perfetto; un discorso che vale anche per le coltivazioni da balcone. Ciò che conta è più che altro la disposizione, ovvero la luce naturale che è in grado di ricevere, nonché le risorse che si è in grado di destinargli.
Se non si ha a disposizione un orto in piena terra, anche un giardino, un appezzamento di terreno facile da raggiungere o un orto in comodato d’uso possono andar bene: ciò che conta è che lo spazio sia soleggiato e arieggiato e che il terreno sia a medio impasto, fertile e drenante. È importante anche che l’orto non sia troppo grande, specialmente se si è alle prime armi, così da approcciarvisi gradualmente: per una famiglia di 3/4 persone, 30 mq saranno infatti più che sufficienti.
Se il terreno non è già stato curato e piantato, bisognerà accertarsi che non necessiti di essere ripulito dalle erbacce, un’operazione che va svolta a mano in autunno, prima di concimare il terreno, e in inverno, prima che geli. Dopo aver eliminato anche i sassi più grossi, rifiuti e altri corpi estranei, sarà necessario effettuare una profonda vangatura. Se il terreno è pesante, duro e compatto, la sabbia lo renderà più morbido e drenante, mentre se è secco e sabbioso, basteranno composti organici e torba ad equilibrarlo.
L’orto dovrà passare l’inverno con le zolle esposte all’aria, mentre la primavera è il momento giusto per un’accurata fresatura e per la concimatura con compost vegetale. Anche i rifiuti organici costituiscono un ottimo fertilizzante naturale, così come erba e foglie; se nel tuo orto troverai dei lombrichi e se il terreno ti apparirà scuro e nerastro non preoccuparti, vuol dire che è ricco.
Anche i semi devono essere di buona qualità, dunque biologici. Prima di seminare, dividi il terreno in porzioni, proteggilo dagli animali randagi con una recinzione e informati sulla stagionalità di ciascun prodotto, procurandoti un calendario delle semine con l’indicazione delle fasi lunari.
Oltre al sole, anche l’acqua è molto importante: per avere un orto impeccabile, il terreno deve essere sempre umido, perciò vanno innaffiati i fusti, regolandone la quantità in base alla temperatura e allo sviluppo delle piante. Meglio utilizzare un tubo con manichetta ‘goccia a goccia’ e annaffiare di prima mattina se si è in primavera, al tramonto se si è in estate.
Affinché le colture crescano adeguatamente, è fondamentale poi prestare attenzione al rischio di gelate: fino ad aprile le temperature notturne possono abbassarsi anche di molto e drasticamente, è necessario dunque coprire le piantine con dei teli isolanti.
È bene ricordarsi inoltre che, per quanto riguarda le piante in vaso, quando le dimensioni superano quelle del recipiente, sarà necessario trapiantarle più volte in un vaso via via più grande, mentre per le colture, cambiarne ogni anno la disposizione aiuta a preservare l’equilibrio biologico del terreno.
È assolutamente frequente e normale che il proprio orto sia preda dei parassiti. Per difendere le proprie coltivazioni da formiche, ragni e bruchi, si possono privilegiare determinate combinazioni vegetali: le radici dei pomodori stimolano la crescita dei sedani mentre le carote e le cipolle si aiutano vicendevolmente nella lotta contro le mosche. Stesso discorso anche per decotto di aglio, infuso di ortica e cannella di Ceylon che tengono lontani gli afidi e le lumache, mentre le erbe aromatiche sono acerrime nemiche della cavolaia e il peperoncino tritato combatte le formiche.
Il momento del raccolto non è solo il momento più atteso è anche quello più critico: l’uso delle mani è vietato, meglio usare un coltello, così da staccare correttamente il frutto senza danneggiare la pianta.
Ma attenzione, per avere un orto perfetto non ci vogliono solo prodotti naturali e di alta qualità bensì anche passione e dedizione; se non si ha il tempo sufficiente per preoccuparsene, meglio optare per alcune piante aromatiche in vaso. Online sono poi presenti delle app che aiutano passo passo nella cura gestionale.
facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedin